Montaggio Di Una Ram

 

ram_pae.jpg

Allora oggi vi spiegherò come montare una RAM nel vostro computer, farlo è molto semplice! Per prima cosa dobbiamo sapere di quale RAM è compatibile la nostra scheda madre DDR, DDR2 o DDR3 (Vedere nel libretto della scheda madre)

Cominciamo!

1)Levare il coperchio del computer usando un cacciavite a stella

2)Individuare i banchi per mettere la RAM ossia questi. (questo è un esempio di memorie DUAL CHANNEL ma se non sono colorate o 4 non vi preoccupate il posto è quello vi spiegherò andando avanti con la guida)

 

ecco1k.png

Adesso vi spiegherò bene questa cosa dei DUAL CHANNEL. Allora molte scheda madri anno questa tipologia come nell’immagine sopra con 4 banchi di ram COLORATI alternati Giallo,Arancio,Giallo,Arancio questo va a significare che la scheda madre può leggere 2 tipi frequenze di una RAM, invece quella senza la DUAL CHANNEL no (ossia che non sono colorati e sono solo 3 banchi)! Es: Facciamo conto che io ho 4 RAM con 2 RAM di frequenza 400 MHZ e altre 2 da 300 MHZ e se io metto 1 RAM da 400 MHZ e 1 RAM da 300 MHZ in una computer senza il DUAL CHANNEL il computer non me le leggerebbe perché devono essere dello stesso tipo e della stessa FREQUENZA (MHZ) invece se lo metto nel DUAL CHANNEL con rapporto GIALLO, GIALLO, ARANCIO, ARANCIO ossia che le 400 MHZ vanno nelle Gialle e le 300 MHZ vanno nelle ARANCIE, il computer leggerà le due RAM con frequenza diversa. (un po difficile da comprendere ma non impossibile)

3)Le ram hanno un verso ossia questo

 

ecco1.png

4)Adesso tiriamo le due levette del banco di RAM verso il basso e poi verso il loro lato (Queste levette)

 

ecco1q.png

5)Inseriamo Le RAM nel verso che ho specificato nel punto 3, spingere la RAM una volta a destra e una volta a sinistra cosi le due levette bianche incastreranno la RAM.

 

ecco1.png

6)Chiudere il tutto, Accendere il computer e il gioco è fatto!

Spero che vi sarà utile questa guida fatta completamente da me.

 

Montaggio Di Una Ramultima modifica: 2010-03-02T16:36:36+01:00da fyret
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento